Rosole e pissacani

ROSOLE E PISSACANI
Di Ignazio Canesso

In questo periodo, i primi giorni di marzo (a parte il detto: marso el mato va descalso) “apiedi nudi si intende”.

Eravamo stanchi di portare le zoccole o le sgalmetre, quindi era un piacere correre per i terreni che erano stati arati in autunno e le gelate avevano frantumato le zolle.
Anche i prati cominciavano a verdeggiare, e le donne conoscevano bene le piantine commestibili, quindi cominciavano andare per i campi e prati a raccogliere Rosoe e Pissacani,  (rosole le tenere piantine che poi sarebbero diventate Papaveri, e i pissacani il Tarassaco: che produce quel bel fiore giallo intenso o i soffioni). Poi le orecchiete, le piantagini, e altro ancora.

Tempi andai

Quanto gai canbià. sti tenpi,
quando me mama
stazèa curvà so i canpi.
    La catava rosole e pissacani
    Parche la zente dizea
    Che i fa ben par tuti i malani.
Pa ’l mal de pansa sicuramente
sinò no te gavarissi magnà gnente.
     Prima in pignata a lessare,
    po in tecia co do sissoete a sfritegare.
Se magnava on tavoliero de poenta,
e me mama me vardava contenta.
    Adesso ròsole e pissacani
    li conosse solo i ansiani.
Le done le va sole in banca,
el savere nol ghe manca.
    Le parla co‘l diretore de investimenti,
    dela borsa che va su e zo,le fa comenti.
Ste robe canbià le ze bele,
ma de rosole e pissacani,
resta vode le padele.