Brusare la Striga

Con questo articolo Ignazio Canesso, depositario della memoria di una comunità, quella di Casalserugo e del suo circondario, autore di libri e divulgatore, inizia la sua collaborazione con il nostro sito. 
Di questo lo ringraziamo sentitamente e offriamo ai lettori un tuffo in un passato ormai estinto ma ancora vivo nei ricordi di Ignazio, che ce li offre con l’amore e la passione di chi, in quei tempi, ci è vissuto, perché ci possiamo ricordare sempre chi eravamo.

Il primo contributo di Ignazio riguarda il giorno dell’Epifania, o la Befana. Si tratta di un appuntamento che da tempo immemorabile nel Veneto viene associato alla fine di un ciclo stagionale e l’inizio del nuovo, simboleggiato dal falò col quale per generazioni si è bruciata l’immagine della “vècia” ovvero l’anno trascorso, attraverso un rito collettivo allegro e coinvolgente, con al centro proprio il falò. Un appuntamento da non mancare, per grandi e piccoli, chiamato anche “pan e vin” o “pìroea paròea”.

BRUSARE LA STRIGA 
Di Ignazio Canesso

Tra i tanti giochi, e semplici divertimenti di noi ragazzi (anni ‘45-‘50 del secolo scorso), un appuntamento tanto atteso e impegnativo era quello della sera della Befana per “brusare la Striga”. Impegnativo, perché dovevamo cominciare qualche giorno prima per cercare il materiale da ardere, come le sterpaglie, le canne e tutto quello che poteva bruciare; ma non era facile, perché tutto veniva raccolto per fare da mangiare, per fare la liscivia (issia) per il bucato, e per altri casi di bisogno.

Adesso xe fassie brusare la striga el di de la Befana,
altro che na volta se sercava in giro anca na cana.
    Parchè tuti i cai dele vigna e le bachete,
    le vegnea rancurà e fato bele fassinete.
Bisognava brusarle sol fogolaro par fare da magnare,
altro che adesso, gas metano e aqua calda sensa fadigare
    Mi e i me amissi che semo nati vissin l’arsare del canale,
    ‘ndasevimo parfin fissin l’aqua par rancurare bachetele.
Qualche masso de cane da casa robavimo de scondon,
atenti che no i me vedesse parchè le jera bote ma da sbon.
    Un bel palo lungo chi lo catava!
    alora co fadiga, tochi se zontava.
La jera tuta na setimana veramente inpegnativa,
noealtri voevimo portare in fine sta inissiativa.
    El di de la befana a mesodì pena magnà,
    tuti sol’arsare e senpre tanto inpegnà.
Tendevimo el nostro lavoro prima del rogo,
par paura che i tosi pi grandi no i ghe dasse fogo.
    E quando che vegnea l’ora de che’l grande momento,
    che alegria, el mondo par noealtri el jera contento.
Corevimo itorno a sto grande fogo, cantavimo,
le faive le ‘ndaseva alte verso el celo, saltavimo
     Propio na seratata piena de tanta alegria
     pecà che a na serta ora sta festa fusse finia.
Stufi ma anca tanto contenti,
questi jera i nostri avenimenti.
    E adesso chi mai gavaria pensà,
    catarse dopo setanta ani passà,
portando nevodi e putei a sto divertimento
e farlo in conpagnia alegro e contento
    Femo anca on pensiero a tanti toseti nel mondo, sfortunà,
    che no i conosse la Befana e forse stasera no i magnarà.
Brusemo la striga co tanta alegria,
anca se pi giustissia se desideraria.