La sagra de Casae

fig-3-stele-chiesa-casalserugo

LA SAGRA DE CASAE 
di Ignazio Canesso

Credo che l’avvenimento più importante di noi Ragazzi dagli 11 ai 15-16  anni che vanno dal 1940  al 1950 del secolo scorso, fosse proprio la sagra paesana. 
Le attrazioni più importanti: La giostra a catenelle con 4-5 aeroplani fissi per i più piccoli, le gondole per i più grandi, poi i vari baracconi, tiro a segno, tiro con i bussolotti, e varie altre attrazioni, prestigiatori ecc. e ancora, bancarelle di dolciumi, tiramola, zucchero filato, e tanto altro. 
Le arance a quintali (detta appunto sagra dele naranse): per noi Ragazzi, il desiderio più grande: che arrivasse il circo. A me in quelli anni è capitato di vederlo una sola volta: il CIRCO ZORZAN. 
Intorno alle ore 13-14 cominciava ad arrivare la gente: i giovani e le ragazze. 
Ad ogni angolo del paese, prima di arrivare in centro, cera una custodia di biciclette (unico mezzo di trasporto). Le ragazze tra di loro si tenevano a braccetto, e passeggiavano su e giù per la piazza osservando i ragazzi, fingendo di essere indifferenti… i giovani facevano altrettanto ma… con più curiosità e cercando di fare qualche selezione. 
All’imbrunire, (orario del ritorno a casa) ecco qualcuno si avvicina a qualche ragazza, e con gentilezza le chiedeva se potevano fare la strada assieme…

El do de febraro, festa dela Candelora, 
la nostra sagra quanti ricordi la me desgreja fora. 
    La se ciamava anca sagra dele naranse, 
    par magnarle no bastava vere do panse. 
Par noaltri putei, che beo co tante carovane che vegnea. 
E tute drio la strada de via sperona le se metea. 
    Sti girovaghi poareti (e poca onestà), 
    che vivea de picoi furtarei, e carità. 
Le done le ‘ndazeva par tute le case, co in brasso i so putei, 
i omani co le tre carte o co’l gran de pèvare te fregava i schei. 
    In Cesa, la messa ultima la jera senpre cantà, 
    e on monsignore coi botoni rossi jera invità. 
Le nostre fameje, de chei tenpi, gerimo poareti 
ma par chel dì si invitava tuti i parenti pi streti. 
    Ricordo che la iera na gran festa, co tanto da magnare, 
    anca se dopo, par na setimana la sintura se dovea tirare. 
A toea se fazea i comenti so la predica del monsignore, 
se magnava co calma, e co’l goto pien passava le ore. 
    E sicome el do de febraro el vien senpre de carnevae, 
    se disèa che na volta ghe jera pi serietà 
    e intanto se bevea in alegria, e se svodava el bocàe. 
Chel dì el jera tanto caro par noaltri toseti 
no ghe jera dotrina, se conpravimo tiramoea 
ciuceti, e se fumava do sigarete de fenoceti, 
     In piassa tanta, ma tanta zente da fora paese, e par le tose, 
     na bea ocasion par catarse el moroso e deventare spose.

 

Foto archivio parrocchiale: chiesa di Santa Maria Purificata, anni 30 del novecento