Dino Sbrozzi e l’agricoltura a Casalserugo e dintorni

logo-sbrozzi

Dino Sbrozzi (1873-1950) e l’agricoltura a Casalserugo e dintorni fra il 1901 e il 1908. Parte I
(a cura di Cristina Ravara Montebelli, archeologa e amministratrice di YourBoost srls)

Chi era Dino Sbrozzi e perché ne parliamo?
Dino Sbrozzi era un agronomo, nato ad Orciano di Pesaro 1873 e morto nella sua città natale il 25 ottobre 1950, quindi quest’anno ricorrono i 70 anni dalla sua morte.
Dopo aver frequentato il Regio Istituto Tecnico di Pesaro, si era laureato in Scienze agrarie presso la Scuola Superiore di Agricoltura di Portici nel 1895 e subito dopo la laurea, aveva ottenuto una borsa di studio come tirocinante presso la Cattedra Ambulante di Agricoltura Rovigo.
Dopo pochi mesi viene nominato Direttore della Cattedra Ambulante provinciale di Forlì con sede a Rimini, dove resta fino al 1901, quando diventa Direttore della Cattedra Ambulante di Padova e del periodico “Il Raccoglitore”, organo di stampa ufficiale della Cattedra padovana.

L'omicidio di Don Luigi Bovo

silla

Esattamente oggi, il 25 settembre 1944 veniva ucciso a Bertipaglia il parroco, don Luigi Bovo. Partendo dalla biografia di un nostro illustre concittadino, il medico e scrittore Tarcisio Bertoli, ho avuto modo di appassionarmi alle sue vicende personali che lo hanno visto, da fervente cattolico, comandante partigiano durante la resistenza (1943-45) proprio a Maserà e dintorni. Egli ha avuto modo di descrivere, romanzandole, molte vicende accadute qui, tra le quali mi ha molto colpito la storia dell’omicidio del parroco di Bertipaglia, Don Luigi Bovo, appunto: azione però mai rivendicata da nessuna formazione partigiana.
Bertoli allora celava la sua appartenenza alla lotta armata contro il nazifascismo con il fatto di essere studente in medicina (eserciterà la professione a Bertipaglia solo qualche anno, dopo la guerra, prima di trasferirsi a Villa Del Conte) e da quella posizione lui afferma di avere veduto tra i primi il cadavere del povero prete ed anche di avere curato il ragazzo, preso qualche mese dopo e accusato dell’omicidio; si trattava del ventunenne Artemio Zamborlin di Pontelongo che sarà giustiziato in piazza Bertipaglia l’otto di aprile del 1945.

Il XX settembre e gli italiani

vittorio-emanuele-monte-citorio

Il 20 settembre del 2020 cadranno i 150 anni esatti dalla famosa “breccia” di porta Pia, ovvero quando Roma fu sottratta al potere temporale dei Papi, divenendo in seguito la capitale d’Italia. Sul significato di questa ricorrenza, delle conseguenze che ciò ha comportato nell’immediato e che e si dilatano sino ai giorni nostri, ce ne parla in un breve saggio in esclusiva per Casalserugo e dintorni la professoressa Liviana Gazzetta, storica, presidente dell’Istituto per la Storia del Risorgimento, delegazione di Padova, ricercatrice, autrice di numerosi saggi.

Una ricorrenza che non scalda i cuori. Il XX settembre e gli italiani

Tutto lascia capire che difficilmente il 150° anniversario della presa di Roma, che cade quest’anno, avrà il giusto rilievo nel dibattito pubblico. E non solo per colpa della pandemia. A differenza di altri momenti della storia nazionale, e anche della storia risorgimentale in senso stretto, la data del XX settembre non sembra aver fatto ‘breccia’ nella coscienza collettiva e nella simbologia nazionale.

La chiesetta del cuore di pontemanco

luoghi del cuore oratorio pontemanco

SALVIAMO L'ANTICO ORATORIO DI PONTEMANCO. COME?
I Luoghi del Cuore è una campagna nazionale per i luoghi italiani da non dimenticare, promossa dal FAI in collaborazione con Intesa Sanpaolo.
È il più importante progetto italiano di sensibilizzazione sul valore del nostro patrimonio che permette ai cittadini di segnalare al FAI attraverso un censimento biennale i luoghi da non dimenticare.
Dopo il censimento il FAI sostiene una selezione di progetti promossi dai territori a favore dei luoghi che hanno raggiunto una soglia minima di voti.

ECCO PERCHE' E' FONDAMENTALE IL NOSTRO VOTO

COME SI VOTA: FIRMANDO L'APPOSITO MODULO

DOVE SI VOTA: SUL SITO SEGUENDO LE ISTRUZIONI CLICCA QUI SOTTO

 https://www.fondoambiente.it/luoghi/oratorio-della-beata-vergine-annunc…

MA SOPRATTUTTO POTRETE FARLO DIRETTAMENTE  ALL'ORATORIO, VISITATELO DALLE 9 DI MATTINA IN POI , OGNI GIORNO, TUTTI I GIORNI (esclusi i giorni di maltempo)

L'ORATORIO DI PONTEMANCO: UN PEZZO UNICO DI STORIA LOCALE.

L’Oratorio della Beata Vergine Annunciata di Due Carrare (altrimenti detto di Santa Maria Annunziata) è un piccolo edificio sacro – aperto al pubblico - situato nel pittoresco borgo di Pontemanco che, lungo le rive del canale Biancolino che vi scorre placido, sin dal tardo medioevo ha sviluppato il suo caratteristico abitato intorno ad una secolare attività molitoria ed alle ville patrizie ivi presenti. Eretto in origine (la prima testimonianza è del 1548) come oratorio privato della adiacente villa Pasqualigo (poi Grimani, ora Fortini), assunse già dal Seicento funzione di oratorio pubblico.

Donna Ernesta Segre Da Zara

Ernesta Da Zara logo

Dott.ssa Cristina Ravara Montebelli
(*) Archeologa di professione, cultore di Topografia antica (Università di Bologna, campus Ravenna), amministratore della start up YourBoost srls, autrice di libri e articoli scientifici di archeologia e storia.

Donna Ernesta Segre Da Zara e l’alta società italiana

Ernestina o Ernesta, come preferiva farsi chiamare, nasce a Vercelli nel 1865, figlia di Pugliese Celestina e del Cav. Giacomo Segre (o Segré a seconda delle diverse grafie), ma come abbiamo già avuto modo di scrivere, si vociferava fosse figlia illegittima del famoso letterato Cesare Cantù.
Il 30 marzo 1886, la ventunenne Ernesta si unisce in matrimonio a Milano con il ricco possidente e finanziere padovano Giuseppe Da Zara, di ben 10 anni più vecchio di lei e forse questa differenza di età deve avere inciso sui loro ménage coniugale.

L’unione è salutata da opuscoli d’occasione offerti dagli amici delle due famiglie, nei quali sono pubblicati importanti documenti inediti come una “Lettera ai suoi genitori” di Giovanni Battista Belzoni oppure l'inedita lettera di Massimo d'Azeglio alla moglie Luisa Blondel o ancora la poesia inedita dello scienziato Emilio Morpurgo, offerta dal suo giovane figlio, l’Avv. Guido Morpurgo, amico di famiglia.